venerdì 2 marzo 2007

9. La tazza rotta

Un giorno un illustre professore universitario fece visita al maestro Non-Li per interrogarlo sullo Zen.
Non-Li lo accolse offrendogli del tè. Riempì la tazza fino all’orlo e continuò a versare il tè facendolo traboccare. Il suo scopo era di spiegare al professore che se la sua mente, così come la tazza, era piena delle sue idee e concetti, lui non avrebbe potuto mostrargli lo Zen. Ma Non-Li non ebbe bisogno di parlare; al professore bastò vedere il gesto per capire e raggiungere l’illuminazione. Afferrò la tazza e la ruppe gettandola a terra, permettendo al liquido, non più trattenuto dal contenitore, di diffondersi liberamente sul pavimento.
Il maestro si rallegrò della felice intuizione del suo erudito ospite.
Dopo quel giorno i due presero spesso il tè assieme, versandoselo direttamente in bocca.

Nessun commento: